La Riserva delle Torbiere del Sebino

Via Europa, 5, -

La Riserva delle Torbiere del Sebino è una zona umida intermorenica pianeggiante composta prevalentemente da canneti e specchi d’acqua situata tra i paesi di Iseo, Cortefranca e Provaglio.

Area naturale che ha avuto origine dall’attività di estrazione della torba, è ubicata a sud della sponda meridionale del lago d’Iseo a 185 mt s.l.m e costituisce la zona umida più importante per estensione e significato ecologico della provincia di Brescia.
L’entrata principale delle “Lame” è situata in località “il Fontanì”. Da qui parte il sentiero centrale che attraversa la riserva naturale delle Torbiere e costeggia la zona sud passando dal Monastero di S. Pietro in Lamosa.
La torbiera è stata dichiarata zona di importanza ornitologica internazionale secondo la Convenzione di Ramsar.
Le torbiere si estendono per circa 2 kmq: il periodo adatto per visitarle è la tarda primavera, quando vi sbocciano migliaia di ninfee, il luogo migliore per poterle ammirare con un solo colpo d’occhio è lo spiazzo dell’antica abbazia cluniacense di San Pietro in Lamosa, nelle vicinanze di Provaglio.
Questo parco assume un’importanza e un richiamo per il vasto pubblico offrendo uno stupendo territorio ricco di storia e cultura.

– Lago palustre
– Raccolta di torba
– Vasche lacustri

Questa suddivisione riassume a grandi linee quello che la storia ha voluto riservare alle Torbiere del Lago d’Iseo. La storia delle torbiere ha inizio sul finire dell’ultima glaciazione, quando dopo il ritiro dei ghiacciai vide la comparsa del Lago d’Iseo, alto circa 10 metri più dello stato attuale.

L’ingresso all’area è libero fino ad un numero massimo di 5 persone.
Per gruppi più numerosi, è necessario richiedere l’autorizzazione telefonando al numero 030/9823141 presso il Consorzio Torbiere del Sebino, che ha sede in Via Europa, 5 – c/o Municipio, 25050 Provaglio d’Iseo

Condividi
BS2104_mappa3

In Programma