Alla scoperta della Val Canè

Al gruppo delle valli camune che rientrano all’interno dei confini del Parco Nazionale dello Stelvio appartiene la Val Canè, distribuita sul territorio del comune di Vione e ricca di laghetti nella sua porzione più elevata. Per andare alla scoperta di questa bella valle di origine glaciale utilizziamo il tracciato di uno dei percorsi individuati dal progetto dell’Adamello Bike Arena dedicato agli amanti della bicicletta. L’itinerario scelto riporta il numero 11 e si chiama “Stambec”, nome dialettale del grande ungulato presente sulle montagne che si affacciano sulla val Canè: in corrispondenza dei bivi sono posizionate apposite indicazioni.

Fissiamo il punto di partenza da Villa Dalegno dove si parcheggia nella zona più occidentale del paese. Si pedala tra le case e sopra la chiesa si procede a destra su fondo acciottolato pedalando fino alla sommità dell’abitato. Si curva quindi ancora a destra, si percorre un tratto in moderata pendenza e poi si affronta una serie di tornanti che conduce alla località Plas de Ves. Una piacevole sezione a mezza costa, in direzione ovest, restituisce un po’ di riposo alle gambe prima di affrontare la salita molto impegnativa che conduce fino a Prebalduino, ottimo punto panoramico.

Il successivo riferimento è rappresentato dalle baite di Chigol (località altimetricamente più elevata del percorso) dove ha inizio la discesa che accompagna verso in fondo della Val Canè. Si piega a destra e poi si percorre l’ultimo tratto di salita fino all’area picnic di Cortebona e al vicino punto informativo del Parco Nazionale dello Stelvio, e qui si scavalca su un ponte il torrente Fiumeclo. Lo sterrato che segue in discesa transita dalle case del Ponte, dalle case Vallazzo e raggiunge le baite Salna.

Una bella discesa conduce alle case di Premia e poi nella zona più alta del paese di Vione. E’ qui che si imbocca lo sterrato che passa accanto alla chiesetta di Sant’Alessandro, e poi arriva a Molina e a Lecanù sul territorio di Temù. Per fare rientro a Villa Dalegno si imbocca una bella e panoramica mulattiera a mezza costa con segnavia “Stambec”. Il suo inizio è posto presso un crocifisso, e il suo sviluppo avviene tra prati delimitati da muretti di pietre a secco.

 

Località di partenza e di arrivo: Villa Dalegno, quota  metri 1355

Lunghezza: 18 km

Dislivello: 451 m

Tipo di bicicletta richiesto: mountain bike (impegno tecnico medio)

Condividi