Rifugi aperti in inverno

Dopo la fatica di una discesa in pista o una camminata nella neve, la fame chiama. E i rifugi delle montagne bresciane rispondono con un’offerta gastronomica fatta di materie prime del territorio e sapori decisi della tradizione alpina.

Accolti dal calore del fuoco e dal profumo del legno, assaggiate i piatti montani tipici del Bresciano: la zuppa di mariconde, i brofadei, i calsù, gli gnocchi de la Cua, stufati e stracotti di carne, selvaggina in salmì, polenta, minestra d’orzo e formaggi da abbinare a miele e confetture fatte in casa. Piatti semplici, ma ricchi di energia e sapore per recuperare le forze dopo una giornata trascorsa nella neve.

I 100 km di piste del comprensorio Ponte di Legno – Tonale sono intervallati da rifugi pronti ad accogliervi per una breve pausa o per una sosta più lunga, come La Baracca, struttura interamente costruita in vetro, legno e acciaio al centro del Passo Tonale, la Capanna Valbione, il Rifugio Nigritella, La Maralsina, il Rifugio Valmalza, il Rifugio Corno d’Aola, il ristorante Ercavallo e il Rifugio Roccolo Ventura.

Rifugio La Baracca Ponte di Legno Tonale

Per quanto riguarda Maniva Ski, i luoghi di riferimento sono l’Hotel locanda Bonardi, lo Chalet Maniva, il Ristorante Pizzeria Dosso Alto, il Ristorante Pineta e l’Agriturismo Cornei da Nadia, dove potrete assaggiare i prodotti tipici della Val Trompia come carni, salumi, miele e pregiati vini.

Il rifugio Monte Altissimo vi aspetta invece sulla cima della ski area di Borno, un luogo incantevole in cui trascorrere momenti di relax accompagnati dai sapori della Valle Camonica.

A Corteno Golgi il rifugio Val Brandet vi stupirà con il Cuz, un piatto antichissimo a base di carne di pecora lasciata cuocere per ore sul fuoco. Se invece preferite impianti sciistici più piccoli, ma ugualmente di grande bellezza, il Rifugio Medelet e il Rifugio Piardi in Val Palot e il Rifugio al Bait e il Ristorante Pizzeria Valgrande a Montecampione vi offriranno l’atmosfera giusta per rifocillarvi.

Condividi