parco-nazionale-incisioni-rupestri-naquane

Cultura all'aria aperta

Brescia è insieme a Bergamo Capitale Italiana della Cultura 2023!

Un tripudio di eventi e iniziative speciali accendono Brescia e Bergamo in questo anno così speciale!

Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023

Insieme alle tappe imperdibili illustrate in questo articolo, ecco alcuni riferimenti utili per organizzare al meglio la tua visita:


BIGLIETTI UNICI PER TRASPORTI E MUSEI

Per favorire la visita, la partecipazione agli eventi e la condivisione tra i due territori, in occasione della Capitale Italiana della Cultura 2023 sono state istituite soluzioni integrate a prezzi vantaggiosi per gli spostamenti tramite mezzi pubblici tra le due città e l’ingresso ai musei.

Per maggiori informazioni e l’elenco dei musei aderenti visita la sezione “Biglietti unici: mobilità e musei”.


Siti culturali all’aperto tra colpi d’occhio sorprendenti

Un soggiorno tra storia, cultura e bellezze da togliere il fiato. Brescia e la sua provincia offrono un patrimonio inestimabile di siti culturali, monumentali e archeologici all’aperto sullo sfondo di eccezionali cornici paesaggistiche e conosciuti in tutto il mondo!

Ne sono una testimonianza i reportage dedicati ai nostri territori dalle emittenti televisive italiane e dai media tedeschi, per lasciarsi nuovamente emozionare da location già visitate o per assaporare in anteprima luoghi magici da inserire nel prossimo itinerario di viaggio.

Parti con noi alla scoperta dei più suggestivi siti culturali all’aperto in provincia di Brescia!

1. Brescia e il suo patrimonio UNESCO

Sono ben cinque le aree e le tradizioni UNESCO in territorio bresciano. Innanzitutto gli 8 parchi archeologici e di incisioni rupestri della Valle Camonica, con il parco di Naquane che vanta un doppio primato: è stato infatti il primo parco archeologico italiano e primo sito italiano riconosciuto dall’UNESCO nel 1979.

parco-nazionale-incisioni-rupestri-naquane

Appartengono al Patrimonio Mondiale dell’Umanità anche i siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino di Lavagnone (tra Desenzano e Lonato), Lucone di Polpenazze e Manerba del Garda. Il percorso comprende 111 villaggi palafitticoli disseminati tra Austria, Germania, Italia, Svizzera e Italia, tra cui i 3 prestigiosi reperti delle nostre colline moreniche.

Dal 2011 anche la città di Brescia ha il suo sito UNESCO: è l’area monumentale ed archeologica con il complesso monastico di San Salvatore – Santa Giulia e l’area archeologica del Capitolium in via Musei, nel cuore della Brixia Storica.

Museo di Santa Giulia, Brescia

È infine del 2018 la designazione dell’area MAB UNESCO “Riserva della Biosfera “Valle Camonica – Alto Sebino”, estesa per 1.360 km² dal lago d’Iseo ai ghiacciai dell’Adamello, mentre al 2019 ricorre l’inserimento della transumanza nella nobile lista.

Leggi ancheBrescia, una provincia UNESCO


2. In città con il naso all’insù

L’immersione culturale all’aria aperta continua nel centro storico di Brescia, dove con una passeggiata rilassante potrai conoscere antichi angoli e meravigliose piazze come il quartiere del Carmine, Piazza Loggia, Piazza VittoriaPalazzo del Broletto, Piazza Paolo VI con il Duomo Nuovo e il Duomo Vecchio.

Consigliatissima la visita al Castello di Brescia, fortezza medievale simbolo della città e meta romantica da cui godere di uno straordinario panorama e tramonti indimenticabili. Facilmente raggiungibile a piedi da via Musei, il castello è servito anche da un comodo parcheggio gratuito in loco. Assai caratteristico il Vigneto Pusterla, il vigneto urbano più grande d’Europa, che si estende alle sue pendici.

E tra una camminata e l’altra, un po’ di sano svago mondano: Brescia ti aspetta con le sue rinomate vie dello shopping e le vie dell’artigianato, e con un pirlo rinfrescante da sorseggiare in uno dei tanti bar con tavoli all’aperto.


3. Cultura all’aria aperta sul lago di Garda

Ci spostiamo sul lago di Garda, territorio ricco di arte, cultura e importantissime tracce archeologiche.

Tra i più eccellenti esempi di antiche ville romane residenziali, le Grotte di Catullo a Sirmione sono una tappa fissa per il turismo culturale del basso Benaco. Meno nota ma altrettanto notevole la Villa Romana di Desenzano, altro grandioso esempio di villa residenziale arricchita da straordinari resti di pavimento a mosaico.

Rocca di Manerba a Manerba del Garda - lago di Garda

Approdiamo poi a Manerba del Garda con la sua celebre rocca, dove un bellissimo itinerario adatto a tutte le gambe si snoda tra antiche fortificazioni accompagnandoci sino alla grande croce sulla vetta, uno dei punti panoramici più suggestivi di tutto il lago.

Facendo correre lo sguardo verso le acque ecco l’Isola del Garda, oasi verde in cui predomina la sontuosa villa edificata nei primi nel ‘900 circondata da una natura rigogliosa aperta al pubblico con visite guidate.

Tra Gardone Riviera e Gargnano altre sorprese ci attendono: tra queste il Giardino Botanico André Heller, il parco del Vittoriale degli Italiani e l’elegante Villa Bettoni con il suo monumentale giardino all’italiana.


4. Tour nella natura in Franciacorta e sul lago d’Iseo

Dalla Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino agli antichi borghi dei pescatori di Monte Isola, tante le emozioni all’aria aperta offerte dalla Franciacorta e dal lago d’Iseo!

Tra le più interessanti esperienze culturali ti segnaliamo il Parco delle Sculture di Franciacorta, 61.000 ettari di natura e 13 magnifici esempi dell’arte dello scolpire realizzati da scultori under 30 provenienti da tutto il mondo.

Il parco è inserito nella proprietà dell’Albereta Relaix & Chateaux, una delle più lussuose strutture ricettive franciacortine per 20 anni abitazione del grande Chef Gualtiero Marchesi.


5. Castelli e fortificazioni

Mura immerse nella pace della natura, esclusivi giri di ronda, torri misteriose. La provincia di Brescia è ricca di castelli e roccaforti!

Pensiamo al famoso Castello di Padernello, una delle attrazioni più visitate della pianura bresciana, al Castello di Breno con la sua spettacolare vista sulle montagne della Valle Camonica e al Castello di Bornato, circondato da uno splendido parco con alberi secolari e tra i meglio conservati della Franciacorta.

Castello di Padernello

C’è poi la Rocca Scaligera di Sirmione, un vero gioiello in posizione strategica all’ingresso della cittadina aperto al pubblico.

Ricordiamo infine l’opportunità di visitare la Rocca d’Anfo, incredibile fortezza risalente al XV secolo edificata su più livelli a picco sul lago d’Idro e recente oggetto di restauri e interventi per la messa in sicurezza.

Leggi anche: Tour tra i castelli della provincia di Brescia


Brescia ti aspetta con i suoi incredibili tesori all’aria aperta: consulta la sezione delle Info Utili e organizza subito la tua visita.

Condividi